I 5 SENSI

Imprimir

Ogni essere che aspiri alla conoscenza deve in primo luogo conoscere se stesso.
Dalle più recenti scoperte della psiconeuroendocrinoimmunologia sappiamo che tutto il corpo, ogni cellula pensa<> sente e prova emozioni” sente piacere e dolore, elabora le proprie informazioni psicofisiche e le trasmette ad ogni parte del corpo attraverso una fittissima rete di comunicazioni di estrema varietà comunicativa, che la maggior parte di noi non è capace di ricevere o di ascoltare.
Cadice Pert, direttrice del Centro di biochimica celebrale del NIMH (National Institute for Mental Hearth), candidata al Nobel, ha recentemente contribuito,  con le sue ricerche sul cervello,  a fornire una spiegazione di questo intricato sistema informativo, scoperto ed utilizzato  da secoli da altre culture, dimostrando in chiave scientifica e moderna che non è il solo cervello a “produrre il pensiero, come un compiuter, che si accende e si spegne a comando mentre il resto del corpo resta totalmente passivo ed alla sua mercé.
La Pert ha infatti scoperto le endorfine” ed un vasto numero di neuropeptidi”, le molecole che trasmettono le informazioni nel sistema nervoso, evidenziando che” i neuropeptidi” sono i mediatori” sia delle informazioni, sia delle emozioni e  che si possono individuare, con appositi apparecchi, in tutte le cellule del corpo, i cui meccanismi genetici RNA , DNA, tcc sono in grado di compiere milioni di trasformazioni biochimiche al secondo, trasmettendo miliardi di informazioni nel sistema nervoso, nel sistema cirolatorio e linfatico,
Secondo la Pert, come hanno confermato più approfondite ricerche promosse da uno scienziato francese Jean-François Lambert ,  nelle cellule dove sono presenti ed attivi,” i neuropeptidi” si instaura un sistema di neuromodulazione “,  che comporta variazioni di comunicazione in una singola sinapsi nell’ordine delle centinaia, fino alle migliaia di differenti possibilità.. (vedasi “ Psicosomatica olistica” di N.F. Montecucco. Ed. Mediterranie e “Psiconeuroimmunolgia di Francesco Bottacciolo , Ed. Red).

Gli uomini conversano tra di loro e non lo sanno

Raccolgono miliardi di informazioni, che vengono registrate e archiviate,ma restano del tutto inutilizzate.

Siamo un computer, che riceve e trasmette dati ad un’infinita di altri computer



VI è un complesso di attività psichiche, che si svolgono senza alcun controllo da parte nostra perché non arrivano al piano della coscienza e quindi si svolgono a nostra insaputa. Ci comportiamo lasciando del tutto inutiizzato il nostro sitema robotizzato, nonostante lo stesso tenti in tutti i modi di ri- stabilire i contatti finchè si scoraggia e lascia perdere


L'uomo vive in uno stato di perenne incoscienza psicofisica generalizzata, che gli impedisce di rendersi conto di quello che tutto il nostro corpo

< vede >< percepisce >< tocca >< gusta >< ascolta >


e soprattutto contina a tramettere messaggi con tutte le sue parti vitali ed i suoi organi

< L’uomo normale si è assopito
in un sonno
mortale >

In questo delicato sistema i 5 sensi hanno ognuno un compito specifico, essendo preposti a ricevere  un’infinità di segnali, che  vengono continuamente   elaborati  dalle cellule incaricate di svolgere questo specifico compito al fine di registrarle e ritrasmetterle ai vari organi principali e da questi a chi di dovere, che però  purtroppo quasi sempre resta  completamente “sordo”, “ cieco” e soprattutto “muto” a livello cosciente, perché non è assolutamente in grado di capire il reale significato del segnale o del messaggio.La maggior parte di questi avvertimenti e comunicazioni resta pertanto del tutto sconosciuta a livello cosciente, anche se il corpo li utilizza per mantenere e garantire l’efficienza dell’intero sistema, spesso a completa insaputa del diretto interessato, che scopre purtroppo di avere malattie ad uno stadio avanzato, nonostante fosse stato ripetutamente avvertito e messo in guardia. Col tempo i più accorti si accorgono di tali segnali, ma soprattutto ne imparano il linguaggio, decodificando le diverse modalità di comunicazione proprie di ognuno dei 5 sensi e dei vari organi o parti del corpo.

La nostra coscienza si esprime attraverso varie frequenze, influenzando ogni parte del nostro corpo.

Le scienze e le religioni orientali da tempo immemore hanno sempre considerato la natura, in tutte le sue espressioni animate o presunte inanimate pregna di

> energia vitale e pensante <



Una cosa sembra non facilmente contestabile è l'essenza vibratoria-enostatica di tutta natura e dell’’uomo in particolare, che emana una luce particolare > un aurea< di varia intensità e colore.

Le scienze e le religioni orientali da tempo immemorabile riconoscono ed accettano questa realtà luminosa, anche molti dei loro"saggi" l'hanno potuto personalmente percepire e vedere come questa energia emani colori differenti atttaverso spirali rotanti, che non a caso hanno chiamato

< "chakra" >< "ruote">


Ma anche le scienze moderne stanno arrivando alle stesse conclusioni. E' infatti ben documentato che il "cuore" genera il campo magnetico più forte del corpo umano, circa cinquemila volte più intenso di quello del "cervello".